(2° pagina) (Torna alla 1° pagina..) dell’aumento del rischio sarebbe da attribuire soprattutto al ferro, ma anche altre sostanze sarebbero coinvolte nel meccanismo di insorgenza della malattia.
I ricercatori invitano perciò ad alternare il consumo della carne con quello di pesce, soia e legumi e di preferire, inoltre, quelle parti che contengono una concentrazione inferiore di ferro. Ad esempio, del pollo è preferibile consumare il petto invece delle cosce.
A studiare il fenomeno è anche uno studio dei ricercatori dell'Inserm di Parigi pubblicato sulla rivista Diabetology edita dalla European Association for the Study of Diabetes (EASD).
I coordinatori Guy Fagherazzi e François Clavel-Chapelon hanno seguito per 14 anni oltre 66mila donne che partecipavano ad E3N, un vasto studio prospettico sul rapporto fra cancro e alimentazione.
Delle partecipanti è stato valutato il carico acido dietetico calcolando il potenziale carico di acido renale (PRAL) e la produzione netta endogena di acido (NEAP). Si tratta di tecniche per la valutazione del consumo di acido dietetico assunto attraverso gli alimenti.
Nel corso del follow up sono stati registrati 1372 nuovi casi di diabete di tipo 2.
«Una dieta ricca di proteine animali può favorire l’assunzione di acido, mentre la maggior parte di frutta e verdura costituiscono precursori alcalini che neutralizzano l’acidità», scrivono gli scienziati francesi. «Contrariamente a quanto in genere si crede, la maggior parte dei frutti come pesche, mele, pere, banane e persino limoni e arance in realtà riducono il carico acido dietetico una volta che il corpo li ha elaborati. Nel nostro studio, il fatto che l’associazione tra i due punteggi PRAL e NEAP e il rischio di diabete di tipo 2 persisteva anche dopo l’aggiustamento per le abitudini alimentari suggerisce che gli acidi alimentari possano svolgere un ruolo specifico nel promuovere lo sviluppo del diabete di tipo 2, indipendentemente dai cibi o bevande che forniscono i componenti acidi o alcalini».
L'aumento dell'acidosi riduce la capacità dell'insulina di legarsi ai giusti recettori del corpo per ridurre la sensibilità alla sostanza. «Abbiamo dimostrato per la prima volta in un ampio studio prospettico che il carico acido dietetico era associato con il rischio di diabete di tipo 2, indipendentemente da altri fattori di rischio noti per il diabete. Sono necessarie ulteriori ricerche sui meccanismi di fondo», concludono i ricercatori.

Leggi altre informazioni
11/09/2017 Arturo Bandini

Condividi la notizia su Facebookcondividi su Facebook

Puoi fare una domanda agli specialisti del forum e iscriverti alla newsletter, riceverai ogni 15 giorni le notizie più importanti.
Keywords |

Forum Partecipa!

Sondaggi Nei preliminari sessuali non bisogna tralasciare...
Che cosa? Vota | Risultati

Tutti i SONDAGGI di ItaliaSalute.it

Italia Salute sempre con te

Abbonati ai Feed Rss Aggiungi a IGoogle Aggiornamenti 
              sulla salute, sulla medicina, promozioni La Pubblicità su Italia Salute

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono l'intervento del medico curante